Wine Spectator è una delle principali riviste nel settore del vino. Questo magazine è molto famoso e seguito da tutti gli appassionati del campo, ma anche dai professionisti come: sommelier, produttori di vino, enologi e amanti del settore. La rivista è americana, e nonostante ciò ha una rilevanza a livello internazionale e viene letta in tutto il mondo.

Wine Spectator rivista

Wine Spectator, come abbiamo accennato, è sicuramente una delle riviste più importanti sul panorama internazionale nel campo del vino e dell’enologia. Questa si concentra con i suoi articoli sia sul lifestyle, sia sulla cultura del vino. Ogni anno questa rivista pubblica 15 numeri con contenuti vari e attesi dagli esperti e da coloro che si interessano del settore.

La rivista nacque nel 1976, inizialmente era solo un inserto all’interno del giornale di San Diego, ma dopo 3 anni venne acquistata da Marvin R.Shanken divenendo così un magazine a sé stante. Nel 1983 Wine Spectator introdusse all’interno delle sue classifiche un programma di premi per i ristoranti migliori sia dal punto di vista culinario che enologico. Infine, nel 2008 fu stata nominata come la miglior pubblicazione su beni e consumi, letta soprattutto da clienti ricchi.

Wine Spectator 2018

Come ogni anno, anche nel 2018 la rivista ha ottenuto un grandissimo successo internazionale. Le sue classifiche sono lette da tutti gli esperti del settore, queste possono influire moltissimo sulla vendita e commercializzazione di un vino e sulla vendita nei ristoranti di un certo livello. Tutto questo, inutile dirlo, riconosce un grande valore ai prodotti analizzati dal famoso magazine, assicurando visibilità e garanzia di qualità!

Wine Spectator classifica

Tutte le classifiche di Wine Spectator, come abbiamo accennato sono sempre più importanti. Ad esempio, quest’anno troviamo una classifica dedicata alle migliori bottiglie di vino italiano. In questo ambito, ha scelto di selezionare ben 107 bottiglie, una per cantina. Questa importante rivista del settore ha collaborato così con il Vinitaly, per realizzare un evento basato sulla classifica, allo scopo di riunire tutti gli imprenditori vinicoli più importanti.

La classifica di Wine Spectator rispecchia molto il gusto americano, ma mette in evidenza una lista di vini molto vitali e di ottima qualità. Ad esempio, tra queste bottiglie c’è la Ribolla 2003, il Taurasi dall’Irpinia declinato in chiave moderna da l’esperto viticoltore Luigi Mojo, e tantissime altre qualità di vino simbolo dell’Italia, ma anche del gusto degli esperti di Wine Spectator.

Wine Spectator Italia

Tutti gli esperti e gli amanti di questa rivista in Italia possono scegliere di leggerla siglando un abbonamento online. Il portale di Wine Spectator infatti offre la possibilità di abbonarsi anche a coloro che vivono in Italia, per rimanere sempre informati sulle ultime novità nel settore viticolo.